Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 

Vallazza

18

Vallazza

Un totem per il Lodge

Adolf Vallazza nasce nel 1924 a Ortisei. Impara a scolpire figure sacre, come molti altri in quegli anni. Figlio di un fabbro d’arte e nipote del famoso pittore gardenese Josef Moroder-Lusenberg (1846 – 1939), avverte presto il desiderio di individuare un proprio linguaggio artistico. Lo trova nei legni vecchi, segnati dal tempo e bruciati dal sole della sua valle. Legni che raccontano, nelle cui fibre il tempo ha impresso tracce profonde. Ascoltando le loro storie li separa e li ricompone, li divide e li riunisce. Con profondo rispetto per ciò che sono, ma anche per ciò che erano. Nascono così i suoi famosi troni, i suoi totem magici, le sue sculture narranti, che oggi si trovano in molte gallerie e collezioni d’arte di importanza mondiale, ad esempio la collezione Guggenheim.

Con slancio giovanile Vallazza – a novant’anni – si è dedicato alla realizzazione di un totem alto 12 metri che sprigiona la sua magica energia al centro della scalinata principale dell’ADLER Mountain Lodge. Quasi come uno “spirito protettore” intende accendere la fantasia di chi lo osserva. Inconfondibile – come l’ADLER Mountain Lodge – e in perfetta armonia con lo stesso.